Digiuno intermittente, cos’è e come si pratica?

129
digiuno intermittente

Mai sentito parlare di digiuno intermittente? Si tratta di una pratica millenaria che consiste nel sottoporre il corpo a periodi di digiuno controllato per spingere l’organismo ad attivare tutta una serie di meccanismi utili a favorire l’efficienza metabolica.
Il digiuno intermittente, oltre ad essere un prezioso alleato per la dieta, ha anche funzioni anti-aging, neuroprotettiva e immunoprotettiva poiché contribuisce alla purificazione dell’organismo.
Tra i benefici del digiuno intermittente possiamo sottolineare:

  • Accelerazione metabolismo
  • Rinforzo del sistema immunitario
  • Contrasto stress ossidativo
  • Rinnovo patrimonio cellulare intestino
  • Aumento funzionalità della tiroide
  • Aumento attività muscolare

Seguire correttamente un regime di digiuno controllato aiuterebbe a mantenere nella norma i parametri di glicemia e colesterolemia e ipertensione; rafforzare il sistema immunitario e contrastare l’invecchiamento.

Esistono diversi regimi di digiuno intermittente ciascuno con regolare ben precise, ma le più utilizzate sono tre: il metodo 16/8, il metodo eat/stop/eat e il metodo mima digiuno.

Nel primo caso bisogna digiunare (per almeno due giorni a settimane) per sedici ore consecutive e mangiare solo nelle otto ore successive, avendo cura di adottare una dieta povera di zuccheri, grassi animali e carboidrati.

Il metodo eat/stop/eat, invece, consiste nel digiunare 24 ore al giorno per due giorni a settimana, facendo passare 48 ore tra un digiuno e l’altro. Si tratta di una metodologia molto utilizzata dagli atleti oltreoceano. Nelle ore di digiuno è consentito bere acqua e consumare alcune verdure.

La dieta Mima Digiuno, infine, è stata ideata dal ricercatore italiano Valter Longo. Sì tratta di un regime dietetico di 5 giorni a basso contenuto calorico (1000 calorie il primo giorno e 750 i quattro successivi) da seguire una settimana al mese. Nelle restanti tre settimane è consigliato seguire una dieta mediterranea limitando al massimo le proteine animali.

Il digiuno intermittente può rappresentare un toccasana per la nostra salute e per la linea a patto che venga condotto nel modo corretto e solo dopo essersi sottoposti a tutte le analisi e gli accertamenti del caso.