Coppette anticellulite: cosa sono e come si utilizzano?

121

Sicuramente avrete sentito parlare delle coppette anticellulite, note anche come cellu cap e slim cup, che promettono di risolvere per sempre il fastidioso e antiestetico problema della cellulite attraverso il principio del “vuoto aspirato”.
Le domande che viene naturale porsi davanti a queste buffe coppetta in silicone sono diverse, prima tra tutte: ma funzionano davvero?
Proviamo a rispondere.

Come prima cosa vediamo come è fatta e come funziona una coppetta anticellulite. Queste particolari coppette sono sempre – e necessariamente – realizzate in silicone elettromedicale e sfruttano il principio della “risacca” per risolvere il problema della pelle a buccia d’arancia. Il meccanismo del vuoto aspirato, infatti, contribuisce a rimuovere i ristagni di liquidi e a riattivare la circolazione sanguigna.

Il suo utilizzo è relativamente semplice poiché non bisogna fare altro che posizionare la coppetta sulla parte interessata e farla scorrere delicatamente per farle catturare l’aria. Lo step successivo consiste nel rilasciarla in modo da creare il famoso vuoto aspirato. Prima di procedere con il massaggio (detto anche coppettazione) è importante cospargere la zona interessata con dell’olio da massaggio per evitare un azione troppo violenta sulla pelle.
Può essere usata su gambe, braccia, glutei e pancia e favorisce il drenaggio dei liquidi con una visibile riduzione di edemi e gonfiori. Se usata con costanza aiuta a riattivare il microcircolo riducendo il rischio di ristagni di tossine e scorie tra le cellule interstiziali.

La tecnica del massaggio con la coppetta anticellulite può essere effettuato in un centro estetico specializzato o a casa a patto di imparare bene la tecnica, e qui torniamo alla domanda iniziale: funziona?
Sì, se utilizzata nel modo corretto e prendendo tutte le precauzioni del caso. A riguardo ricordiamo che le coppette anticellulite non devono essere mai utilizzate su pelle arrossata, su vene varicose e durante la gravidanza.