Dieta Pegan, cos’è? Tutta sulla dieta dell’estate

269

Ideata dal medico statunitense Mark Hyman, la dieta Pegan è un regime alimentare low-cab che unisce elementi tipici di due particolari tipologie di dieta: quella paleolitica e quella vegana.

Completa e variegata, la dieta Pegan non bandisce nessun alimento (ad eccezione dei latticini) e si rifà alla dieta mediterranea sotto molti aspetti e punta tutto su alimenti freschi e non trattati. Alla base di questo regime alimentare c’è la tendenza ad eliminare tutti i cibi industriali e lavorati, gli zuccheri raffinati e gli amidi e a dare ampio spazio ai vegetali, ai cibi ricchi di proteine e di grassi buoni. I prodotti di origine animale non sono del tutto esclusi, ma vanno consumati con moderazione e solo se provenienti da allevamenti biologici.

Vediamo nel dettaglio cosa mangiare e cosa evitare quando si segue la dieta Pegan.
Tra gli alimenti consigliati ci sono naturalmente frutta e verdura, che costituiscono il 75% dell’apporto calorico giornaliero con almeno 2 o 3 porzioni ad ogni pasto. Il restante 25% dovrebbe essere costituito da proteine animali tra cui:
– carne rossa, pollame e uova provenienti da allevamenti biologici.
– Pesce proveniente da allevamenti sostenibili
– Proteine vegetali come noci, semi e legumi
I grassi concessi sono solo quelli buoni, ovvero, gli Omega-3, l’olio di semi di lino, noci, avocado, olio d’oliva, ecc.

Assolutamente vietata, invece, l’assunzione di latticini, soprattutto quelli a base di latte vaccino e gli oli vegetali ad alto contenuto di Omega 6 come l’olio di colza, di soia e di mais. Stesso discorso per il glutine e i cereali che lo contengono, che sono sostituiti da quinoa, riso integrale, avena e amaranto. Questi pseudocereali vanno comunque consumati in quantità limitate e non più di mezza tazza ad ogni pasto. La dieta Pegan, infine, limita anche il consumo di legumi (massimo una tazza al giorno). L’unico legume vietato è la soia.

Si tratta di un regime alimentare che predilige i cibi sani e freschi che oltre ad apportare benefici alla linea, potrebbe rivelarsi un toccasana anche per tenere sotto controllo il colesterolo. Come tutte le diete, però, non può essere improvvisata, quindi, rivolgetevi sempre ad uno specialista prima di intraprenderla.