Gli effetti benefici del sole

43

Si parla spesso di conseguenze negative dovute all’esposizione ai raggi solari, ma ci sono anche aspetti positivi, soprattutto se non dimentichiamo di utilizzare adeguati prodotti per la protezione della pelle

Non è un nemico, tutt’altro. Il sole è vita. Pur conoscendo le criticità e le conseguenze dannose sulla cute dei raggi ultravioletti, è bene fare il punto su quanto di positivo, invece, ci sia. 

Sensazione di felicità. Il primo effetto benefico del sole riguarda l’umore, poiché aumenta la serotonina, l’ormone della felicità, pertanto si è meno tristi o depressi.  

Regola il nostro orologio biologico, svolgendo un ruolo fondamentale sui meccanismi del nostro orologio biologico. Il nostro organismo è infatti basato sui ritmi circadiani che regolano importanti funzioni come il meccanismo sonno-veglia, la temperatura corporea e la pressione del sangue. Insonnia, tachicardia sono alcuni dei sintomi a cui possiamo andare incontro se il nostro orologio biologico va in tilt. 

Inoltre 20 minuti di esposizione alla luce supportano l’assorbimento di prezioni elementi come ad esempio la vitamina D, indispensabile alle ossa perché in grado di far fissare il calcio. Secondo recenti studi, la vitamina D è un antitumorale e un immunomodulante, ovvero tiene in ordine il nostro sistema immunitario. Basta una passeggiata durante le ore di luce per godere di questi benefici, anche d’inverno. Importante è avere con sé dei prodotti a che proteggano il derma come i solari Mustela con fattore SPF50+, adatti a tutta la famiglia, disponibili in vari formati e referenze: crema, spray, e stick. 

Per concludere, è considerato un farmaco per alcune malattie della pelle, in particolare quelle autoimmuni. Per chi soffre di patologie come psoriasi o dermatite atopica, il sole diventa un antinfiammatorio naturale e può avere effetti benefici sull’andamento della malattia.  

Come beneficiare della luce solare? Il segreto è un’esposizione graduale. Sembra facile a dirsi, ma limitare, almeno con le prime belle giornate di primavera ed estate, lunghi pomeriggi al parco o in piscina, è pura eresia. E’ bene, però, mettere in pratica un comportamento corretto e responsabile in modo che il derma si abitui gradualmente ad assorbire i raggi solari, con il supporto di emulsioni ad alto fattore di protezione, come la linea Mustela per neonati e bambini, caratterizzata dal nuovo sistema di filtri organo-minerali, indice SPF 50+. Offre una protezione cellulare rafforzata, preserva le difese naturali dell’epidermide e aiuta a prevenire gli eventuali danni provocati dal sole, grazie ad un mix di principi attivi vegetali derivanti dall’avocado, associati alle proprietà antiossidanti della vitamina E, formula resistente all’acqua salata, clorurata e forte resistenza alla sabbia. 

Oltre al supporto prezioso di lozioni ad hoc, anche il corpo umano risponde efficacemente agli stimoli esterni, poiché dotato di melanina, ovvero il più potente e importante filtro solare che l’uomo ha a sua disposizione. Un filtro solare naturale che l’organismo produce come risposta alle radiazioni. Una volta che i pigmenti si depositano sotto l’epidermide, il raggio ultravioletto non provoca più alcun danno. 

Sole sì, sole no. Non esiste una risposta assolutista. Emerge, come sempre, la facoltà di scelta, auspicando come sempre un comportamento responsabile.