Serigrafia fai da te, sulle orme di Wharol

36

Estro e creatività mixato a strumenti semplici per realizzare opere in stile pop artIn fondo un po’ tutte abbiamo la vena artistica, abbellire e rinnovare la propria casa è qualcosa di affascinante ed interessante oltre ad essere un passatempo. Chiaro non tutte noi siamo artiste ma con un po’ di buona pazienza ed estro riusciamo sicuramente a fare lavoretti innovativi, unici e inimitabili. Hai mai pensato a Andy Wharol? Tanto estro e creatività mixato con saper fare ma sempre strumenti semplici e di facile reperibilità. Imitare il pioniere della pop art certo non è cosa facile ma riuscire magari a riprodurre qualcosa con un tocco di personale diventa una sfida. La soluzione la abbiamo a nostra disposizione si tratta della serigrafia da fare in casa. La bella stagione è il momento giusto per fare un po’ di restyling. L’interior design, ovvero il design degli interni dà sempre un tocco di personalità alla casa o all’appartamento. Quanta invidia quando si entra a casa delle amiche e si notano pareti differenti e uniche! Disegnare però non è facile, dipingere ancora meno: la serigrafia è la soluzione giusta. Certo non è semplice imitare Andy Wharol ma ci si può sempre tentare, d’altronde le più note opere di Wharol sono così belle ed uniche proprio grazie all´utilizzo della serigrafia. Stencil, carte, colori possono essere la soluzione giusta, prodotti che oggi si possono reperire facilmente, vedi ad esempio questa sezione serigrafia di un sito specializzato in prodotti serigrafici, inoltre esiste un innovativo progetto basato sulla serigrafia a basso impatto ambientale. Personalizzare la stanza grazie alla serigrafia non è difficile, con un po´ di pazienza si potrà rinnovare il look del bagno applicando elementi serigrafici anche nella specchiera, e perché no sulla plafonatura così seria ed un po’ demodè. Nelle camere da letto dei bambini si può pensare a qualche elemento ispirato ai noti cartoon, mentre nel living room si può addirittura giocare la carta della stagione, cambiando almeno due volte l´anno il look. C´è poi chi ama dedicarsi al riciclo ed al decoupage e ovviamente potrà puntare a cambiare oltre che il look delle pareti anche qualche pezzo d’arredo, magari rendendolo idoneo alla location o dando quel tocco di personali che fa tanto casa. Esistono i giusti ausili. E se si potesse anche fare tutto in simbiosi con l’ambiente? Un sogno? No, realtà. Come riporta La Stampa in questo articolo, in Finlandia è nata una nuova tecnologia domestica molto green, pannelli fotovoltaici riciclabili che si possono applicare anche alle superfici interne od esterne: si tratta di piccoli pannelli solari organici con lo spessore di 0,2 millimetri, molto sottili e addirittura d´arredo. Riproducono infatti le fantasie più note a partire dalle foglie ma le idee sono molteplici, e grazie alla serigrafia si può preparare il proprio pannello solare a piacimento in modo da personalizzare al massimo la propria finestra o la propria parete. Nonostante l’aspetto classico del foglio d´arredo si tratta invece di una struttura complessa ricca di elettrodi costituita in strati di polimeri: interior design a basso impatto ambientale. Non si tratta però di vera e propria carta da parati ma si tratta di pannelli fotovoltaici perfettamente mascherati, se così possiamo dire, qualche modello è addirittura fatto con foglie vere. Unico neo, questa particolare “carta” non è ancora stata messa in commercio ma poco ci manca. La serigrafia fai da te può essere quindi un’ottima soluzione per cambiare look alla casa, senza per questo dovere essere delle artiste in erba, bastano un po’ di fantasia ed un tocco di genio, peculiarità tanto care a Andy Wharol.