Bitcoin: si è ancora in tempo per investire?

255

Da quando la prima valuta blockchain digitale è stata estratta nel lontano 2009, nuove monete hanno invaso il mercato e alcune, come lo stesso Bitcoin, hanno permesso agli investitori di guadagnare il 1.000%, il 2.000% o anche di più della loro apportazione iniziale. In mezzo a tutti questi incredibili guadagni, la domanda che nasce spontanea è se ormai sia troppo tardi per investire in criptovalute, e in Bitcoin in particolare, su criptovalute.io. Le argomentazioni e la logica da entrambi i lati della medaglia sono molto valide e convincenti e rendono legittima qualsiasi opinione. 

Vediamo meglio in questo articolo se si è ancora in tempo per investire in Bitcoin o no.

È troppo tardi: i governi si stanno muovendo

Uno dei timori di entrare nel mercato delle criptovalute è sempre stato che i governi di tutto il mondo interrompessero l’accettazione e persino la produzione delle monete. Questo momento potrebbe essere già qui. Alla fine di maggio 2021, la Cina ha iniziato a reprimere duramente l’estrazione e il commercio di Bitcoin, facendo precipitare i prezzi delle criptovalute. Secondo molti la ragione principale di un comportamento del genere da parte di un governo è perchè le autorità sono desiderose di vedere la propria valuta digitale diventare la principale unità di conto nell’economia. Più di recente, altri Paesi come Estonia, Iran e Singapore hanno lanciato misure repressive. Se altri governi seguissero l’esempio, la domanda e il supporto per Bitcoin e altre criptovalute potrebbero bloccarsi.

È troppo tardi: le criptovalute stanno per azzerarsi

Gli scettici credono che la criptovaluta sia una classe di attività senza riserva di valore, con nessuna barriera all’ingresso e nessuna valuta di scambio. Pertanto, gli scettici considerano le criptovalute semplicemente una classe di attività speculativa senza redditività a lungo termine. A Davos, in Svizzera, nel 2019, Jeff Schumacher, fondatore di BCG Digital Ventures, ha dichiarato di essere fermamente convinto che Bitcoin andrà zero in quanto non è una valuta e si basa sul nulla. Nel 2020, il famoso investitore Dennis Gartman ha affermato la stessa cosa ed il magnate degli hedge fund John Paulson, famoso per aver guadagnato una somma da capogiro prevedendo la caduta del mercato immobiliare nel 2008, sta scommettendo contro le criptovalute e consigliando di non investire.

Non è troppo tardi: le criptovalute arriveranno a oltre 500.000 dollari

Contrariamente a quanto visto prima, credenti come Cathie Wood di Ark Investment suggeriscono di investire in Bitcoin e criptomonete il prima possibile. Questo famoso  stratega degli investimenti ritiene che Bitcoin raggiungerà un super massimo di 500.000 dollari. Parte del motivo della propensione al rialzo di Wood è la sua convinzione che i gestori patrimoniali alla fine allocheranno fino al 5% dei loro portafogli nella criptovaluta. Anche Greg Cipolaro e il Dr. Ross Stevens, ricercatori del New York Digital Investment Group, supportano questa convinzione, aggiungendo che l’aumento della domanda combinata con un’offerta fissa e un calo automatico della crescita dell’offerta rappresentano un caso convincente per Bitcoin come investimento alternativo. Questo si riferisce al fatto che la fornitura di Bitcoin è limitata a 21 milioni di monete, come visto prima.

Non è troppo tardi: le criptovalute sono scese dai loro massimi 

Se sei convinto che il mercato delle criptovalute sia un’altra versione del mercato azionario, potrebbe non esserci momento migliore per acquistare criptovalute come Bitcoin. A partire dal 12 novembre, Bitcoin è sceso sotto i 63.000 dollari e altre criptovalute hanno seguito la discesa. Sebbene Bitcoin sia ancora in salita rispetto ai minimi di settembre, è comunque sceso del 10% rispetto al suo massimo storico, che ha raggiunto proprio pochi giorni prima della sua caduta più recente. Come ha dimostrato la storia di Bitcoin, grandi cali come questo non sono affatto insoliti, eppure la criptovaluta è riuscita a salire costantemente a nuovi massimi. 

La verità è che nessuno può garantire se la criptovaluta aumenterà o diminuirà, poiché si tratta di un mercato completamente nuovo che non è ben definito né ben regolamentato. Ad ogni investitore la sua scelta.