Comportamenti sessuali: cosa cambia in italia

Psicologia - Sesso



Nonni sempre più arzilli e giovani sempre meno precoci. E´ questo il nuovo quadro della sessualità in Italia come l´ha disegnato il Censis nel suo ultimo rapporto commissionata dalla Pfizer italiana, sui comportamenti sessuali degli italiani svolta su un campione di circa 1500 persone. Con gli anziani che prolungano la loro vita sessuale ben oltre i fatidici sessanta e i più giovani che paiono non avere più l´ansia della prima volta, che oggi arriva non prima dei 17-18 anni.

Il dato però più eclatante dell´indagine conferma anche la crisi del maschio italiano, come già aveva svelato nei giorni scorsi uno studio dell´Oms che li poneva all´ultimo posto in Europa. Il tanto esaltato vitellone italiano ha, infatti, decisamente imboccato il viale del tramonto: il 59,2 per cento degli uomini ha ammesso di provare incertezza e preoccupazione in materia di prestazioni sessuali e il 42,6 per cento ha dichiarato di soffrire o di aver sofferto in passato di disfunzioni sessuali. Con una rivincita, però, nella terza età. Secondo il rapporto, infatti, 39 per cento degli anziani tra i 71 e gli 80 anni e oltre il 73 per cento di quelli tra i 61 e i 70 anni dichiara, infatti, di avere una vita sessualmente attiva.

Ma l´indagine del Censis sfata pure un altro mito: non è affatto vero che le donne single (separate o divorziate) abbiano una sfrenata e appagante vita sessuale: il 31,9 per cento delle nubili e il 47,7 per cento delle separate/divorziate, infatti, ha dichiarato di non avere affatto al momento una vita sessuale e il 30,4 per cento giudica quella che ha insoddisfacente o pessima.

Quanto alle avventure extraconiugali, tra quelli caduti in tentazione sono pochi i rei confessi: il tradimento del coniuge è stato ammesso dal 18,5 per cento degli italiani (25 per cento uomini e 12,3 per cento donne). Coerentemente la monogamia sessuale per l´intero arco di vita è ancora l´esperienza sessuale che più segna la medietà, soprattutto per le donne che nel 66 per cento dei casi nel corso della propria esistenza hanno fatto sesso con una sola persona (tra gli uomini la percentuale dei monogamici scende significativamente e la quota maggiore - 43,1 per cento - ha avuto tra 2 e 5 partner).



Tag:


Presente in:

Psicologia - Sesso

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)