Come mantenere abbronzatura

Bellezza - Benessere
Il ritorno dalle vacanze: fine di un´abbronzatura?


Il ritorno dalle vacanze: fine di un´abbronzatura?
<br />
Sole, mare, tanto relax. Sono questi gli elementi per una perfetta vacanza estiva. Meglio ancora se accompagnati da una bella abbronzatura. Ormai uno status symbol, di questi tempi, qualcosa che si può permettere solo chi va in vacanza, o chi ha del tempo libero. O forse una chimera da inseguire (specialmente per i fototipi più chiari) per essere all´ultima moda ed avere quel tanto desiderato colorito sano che fa bene all´umore e fa sentire più belli e sicuri di sé.


Le vacanze stanno finendo, l´autunno è alle porte, è vero, ma non è detto che ciò coincida con la fine della tintarella tanto agognata e faticosamente ottenuta. Evitare il repentino ritorno allo smunto pallore lunare è possibile seguendo dei semplici accorgimenti, senza spendere cifre esose in lampade o altri espedienti, ma in maniera naturale, utilizzando il beneficio di ingredienti semplici e reperibili anche a casa nostra.


Utili suggerimenti su come prolungare la tintarella

Utili suggerimenti su come prolungare la tintarella
La prima regola per una pelle sana e luminosa è anzitutto un´alimentazione corretta ed equilibrata. La salute infatti passa anche da qui, e curare il nostro modo di nutrirci con responsabilità è fondamentale.


È necessario quindi introdurre nella propria dieta quotidiana frutta e verdura, specie quella di colore dal giallo al rosso, contenente beta carotene, nutriente che garantisce l´abbronzatura in quanto stimolante la formazione della melanina. Inoltre il suo ben conosciuto potere antiossidante protegge la pelle dall´invecchiamento.
Gli alimenti che contengono un alto tasso di carotenoidi sono, per l´appunto, la carota (120 μg di vitamina A ogni 100 g, che supera del doppio la razione quotidiana consigliata), ma anche la rucola, i broccoli, i pomodori, i peperoni, i meloni, le angurie, le albicocche e le pesche. Sì quindi a macedonie e frullati.


Non dimentichiamo inoltre l´assunzione di vitamine A, C ed E, coenzima Q10 e selenio, presenti nella maggior parte dei vegetali. Sì anche a frutta secca e olio d´oliva, grandi riserve di vitamine B ed E.


Bere è fondamentale: assumere 2 litri di acqua al giorno è importante per permettere alla pelle di mantenersi idratata ed elastica. Al contrario, non eccedere con gli alimenti ricchi di sodio, che tendono a seccare la pelle.


Passando alla detersione, è consigliabile preferire la doccia al bagno, ed evitare le temperature troppo alte poiché l´acqua calda a contatto con la pelle per un lasso di tempo prolungato agevola l´effetto peeling, la perdita degli strati superficiali di cellule (morte), che sono anche quelle pigmentate. Meglio quindi una doccia, e possibilmente fresca, che mantenga la pelle elastica e compatta. Da evitare assolutamente l´idromassaggio: il moto combinato di aria e acqua facilitano, ancora più di un bagno normale, la desquamazione dell´epidermide.
Per lavarsi è meglio prediligere del gel idratante al nostro bagnoschiuma di sempre, questo perchè i detergenti convenzionali risultano più aggressivi e favoriscono l´esfoliazione, e quindi la perdita dell´abbronzatura.
A tal scopo è consigliabile, prima della doccia, cospargere il corpo con dell´olio emolliente in modo da creare un film idrolipidico che protegga la pelle dall´aggressività del calcare presente nell´acqua. Se proprio non si vuole rinunciare al bagnoschiuma, lo si può utilizzare diluendolo con abbondante acqua e risciacquandolo via velocemente. Una volta usciti dalla doccia, è preferibile asciugarsi tamponando delicatamente la pelle e non sfregare: l´azione meccanica agevolerebbe la perdita di pigmentazione della tintarella.


Importante l´idratazione quotidiana anche dall´esterno: validissimo il doposole utilizzato durante le vacanze (occasione anche per terminare il prodotto, che non sarà "riciclabile" l´anno prossimo) che è specifico per rallentare il processo di "scolorimento" della pelle e protegge la pelle da una spiacevole spellatura. È bene preferire inoltre gli idratanti naturali: molto indicato in questo caso il burro di karité, ricco di sostanze emollienti e vitamine che rendono la pelle morbida e la mantengono luminosa. Evitare invece i prodotti a base alcolica, che inaridiscono e macchiano la pelle, come i profumi, preferendo acque profumate.
Viso e decolleté meritano un´attenzione particolare: è consigliabile una maschera idratante una volta alla settimana per queste zone più delicate ed esposte, in modo da mantenerle radiose. In caso di macchie e colorito disomogeneo però occorre effettuare un leggero gommage: la pelle si schiarirà un po´, è vero, ma renderà il colorito uniforme.


Cerchiamo infine di approfittare il più possibile del bel tempo per stare all’aria aperta e godere dei raggi di sole di fine estate: questo espediente è utile, oltre che all´umore, anche a fissare l´abbronzatura e a mantenerla più a lungo, poiché l´esposizione ai raggi solari stimola la produzione di melanina, impedendo al colorito di spegnersi gradualmente.

Chiara o scura, ama la tua pelle

Chiara o scura, ama la tua pelle
Detto questo va ricordato che l’abbronzatura dura al massimo 3 settimane, che è il tempo impiegato dalle cellule della pelle per rinnovarsi. Triste, per molti, ma a ben guardare l´abbronzatura risulta essere una sorta di "scudo di protezione" della pelle dai raggi ultravioletti. Non disperiamo comunque: l´estate tornerà, e così la nostra tanto desiderata tintarella.



Tag:


Presente in:

Bellezza - Benessere

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)