Autunno, il momento migliore per visitare il portogallo.

Viaggi - Viaggi Estero



L´autunno è la stagione ideale per fare un viaggio in terra lusitana: le temperature sono piacevoli in città come in campagna, le giornate sono ancora lunghe, soleggiate e poco piovose. Il paese poi ferve di nuova energia, mentre fiere e appuntamenti gastronomici offrono al visitatore l’opportunità di riscoprire borghi medievali e palazzi storici in festa per l’arrivo dei sapori autunnali: formaggi, castagne, dolci ma, soprattutto, vino.


Perché dunque non lasciarsi inebriare dagli intensi profumi delle Rotas do vinho, le Strade del vino, percorsi ad hoc nelle regioni di produzione del Porto, Dão, Bairrada, Oeste, Ribatejo, Costa Azul e Alentejo che propongono una nuova maniera di vivere la tradizione lusitana, alternando soste culturali alle visite delle numerose quintas, le tenute ove si produce e si gusta o melhor vinho do mundo. Una proposta “slow” dedicata agli appassionati di degustazione ma anche a chi semplicemente vuole assaporare un bicchiere di storia del Portogallo e magari portarsene a casa un “goccio”, le cantine di produzione, infatti, si offrono di recapitare a destinazione i propri prodotti.


Da non perdere fiere e festival presenti su tutto il territorio che animano la stagione autunnale con appetitosi assaggi e spettacoli folkloristici. Ecco alcuni appuntamenti da mettere in agenda: dal 14 al 16 settembre, a Porto Santo, l’isola più piccola dell’arcipelago di Madeira, si celebra La settimana di Cristoforo Colombo, con spettacoli teatrali, parate in costumi dell’epoca, il tutto per raccontare l’arrivo del navigatore sull’arcipelago e i viaggi nel nuovo mondo e tutta l’epoca delle grande scoperte.


fino al 15 ottober a Lamego (www.cm-lamego.pt), tappa imprescindibile per chi visita il Douro, la zona intorno alla valle del fiume omonimo, c’è la Festa delle Vendemmie, per respirare profumo di Porto superbo e di uve pregiatissime in un’atmosfera corale di antica memoria.


Atmosfera goliardica e fiumi di nettare degli dei in novembre per feste all’insegna del gusto, con castagne, vino novello e musica in numerosi centri della regione di Porto (www.visitportoenorte.com) e Lisbona (www.visitlisboa.com). Le città si animano per celebrare il santo protettore dei sommelier e dei fabbricanti di botti e godere delle ultime giornate clementi dell’autunno. E ancora, dal 24 novembre al 3 dicembre, a porto, Il Mercado Ferreira Borges accoglie l’Artesanatus 2006, la fiera delle arti e dei mestieri, mentre dall’1 al 3 dicembre Viseu, nel nord del Portogallo, è lo scenario suggestivo dell’importante manifestazione Fiera del Vino di Dão – Vini e sapori, che ospita i più noti produttori del prestigioso vino noto in tutto il mondo per il gusto vellutato e l’aroma unico che solo la regione del Dão sa donare.


Nell’incanto del borgo medievale di Óbidos (Leiria, Centro), dal 7 al 12 novembre, i migliori maestri pasticceri modellano e sperimentano le possibilità dell’alimento più amato al mondo, per il piacere di tutti i golosi e degli schiavi del cacao. Specialità del festival del cioccolato (www.festivalchocolate.cm-obidos.pt) la ginjinha, liquore a base di ciliegia, servita in croccanti bicchierini di cioccolato. Sempre nelle regioni centrali, a Golegã (Ribatejo), dal 3 al 5 e dal 9 al 12 novembre, si svolge una delle più antiche e profondamente radicate delle feste portoghesi, la Fiera di San Martino (www.horsefairlusitano.org), di cui si ha traccia già in antichi documenti dell’Età Media quando coincideva con la fiera del bestiame, alla quale giungevano gli allevatori di cavalli di Golegã, famosi in tutto il paese.


Dal 13 ottobre al 6 novembre, a Santarem (Ribatejo, Centro) La Casa do Campino, cattedrale della gastronomia portoghese, apre le porte al Festival Nazionale di gastronomia e fiera dell’artigianato (www.rtribatejo.org), che celebra la ricca tradizione culinaria di tutto il paese, dedicando serate ai piatti tipici di ciascuna regione. E per finire una delle festività accademiche più irriverenti e goliardiche del Portogallo, la Festa das Latas (festa “delle latte”) è il cerimoniale di benvenuto ai caloiros, gli studenti appena giunti alla prestigiosa Università di Coimbra che prevede un programma ricco di concerti musicali e animazione presso il Pavilhão universitario (www.aac.uc.pt). La festa culmina nel Cortejo da Latada, un corteo così chiamato per le latte che i caloiros, travestiti secondo i desideri e gli ordini dei veterani, trascinano rumorosamente per terra, sottoponendosi alle loro burle.


Dalle tradizioni goliardiche ed enogastronomiche a quelle legate al mare e alle grandi scoperte. A Lagos (Algarve), dal 27 al 29 ottobre, il Festival delle scoperte marittime (www.festival.lagosdigital.com) ci condurrà indietro nel tempo sino ad arrivare al 1500, l’epoca dei grandi descubrimentos nel passato fiero ed avventuroso del Portogallo. La città di Lagos si anima di una moltitudine di musicisti, saltimbanchi, guaritori e speziali, che trasformano il centro in un “ombelico del mondo”. Tre giorni e tre notti che celebrano la conoscenza e la fusione delle culture.


Tag:


Presente in:

Viaggi - Viaggi Estero

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)